Dvrso: progettazione di un’esperienza interattiva per un evento di business

Dvrso è un progetto in start-up che riguarda la creazione di un e-commerce in VR. Ci è stato richiesto di progettare un roadshow interattivo, pensato per presentare il progetto a dei potenziali investitori. Lo scopo era quello di impressionare gli investitori attraverso un percorso che sarebbe culminato nel test dell’e-commerce in VR.

Per prima cosa abbiamo immaginato lo spazio per il roadshow. Una grande stanza rettangolare che permette di accedere alla stanza successiva, dove i clienti possono provare il visore VR. L’ante-stanza è ampia ed abbastanza luminosa, in modo da creare un ambiente minimale e pulito, che ispira fiducia e sicurezza. Al centro della stanza è posizionata una scultura. Una scultura futuristica, che richiama – simultaneamente – delle forme naturali (pistilli floreali): in questo modo le si conferisce un senso di novità mixato ad un senso di fisicità. Inoltre, la scultura dona concretezza al concetto generale di vr-commerce che si vuole presentare.

Sui muri dell’ante-stanza sono posizionati dei pannelli, sui quali sono proiettate alcune fotografie statiche.
Ciascuna foto rappresenta un personaggio posizionato su uno sfondo, mentre svolge un’azione quotidiana. Man mano che il percorso procede, l’ambiente di sfondo e, con esso, l’interazione con l’utente diventa sempre più ricca.
Nei frame sono inseriti degli oggetti con cui il personaggio interagisce, disegnati con una grafica cartoon. Questi oggetti rappresentano gli oggetti che possono essere acquistati con il vr-commerce. I personaggi rappresentano i consumatori. In questo modo, si è tentato di visualizzare quello che potrà accadere in un futuro vicino: l’integrazione e la diffusione della realtà virtuale nella vita di tutti i giorni.

Inoltre, gli oggetti cartoon sono degli oggetti reattivi: si accendono al tocco ed attivano delle infografiche, riportanti dati interessanti per i potenziali investitori, sul business del vr-commerce.

Dopo cinque secondi, il pannello si oscura completamente. E, grazie a dei sensori di movimento, il pannello successivo si accende semplicemente camminando di fronte ad esso.

In definitiva, abbiamo voluto concentrarci sul processo di consumo degli acquirenti: dal loro primo contatto con gli oggetti durante l’esperienza in VR, fino all’arrivo degli oggetti nelle loro case. Ci siamo concentrati sul lasso di tempo che vi è nel mezzo, sull’attesa del consumatore del proprio oggetto dei desideri e sullo stimolo della sua immaginazione. Nella nostra visione, un oggetto aspettato e desiderato, che non è ancora posseduto, è ben simboleggiato da un cartoon object, protagonista di tutta l’esperienza.

Anno
2017
Cliente
Dvrso
Servizio
Interaction Design